fbpx
Gita Scolastica Outdoor Portofino

 Dal 16 Ottobre al 18 Ottobre i ragazzi della Scuola IST (International School of Turin) sono stati impegnati in tre giornate di educazione ambientale attiva con Outdoor Portofino. Una gita scolastica all’insegna di Kayak, beach clean up, orienteering, biologia marina e attività in laboratorio per imparare facendo.

I giovani studenti, di età compresa tra i 17 e i 18 anni, hanno toccato con mano problematiche come l’inquinamento dei nostri mari e la presenza di rifiuti di ogni genere nel nostro territorio.

I ragazzi della Scuola Internazionale di Torino a Camogli dopo il Bio Orienteering

Grazie al supporto e le conoscenze del nostro staff il progetto si è concretizzato tra spiaggia (Santa Margherita Ligure), mare (Portofino / Area Marina Protetta di Portofino), terra (Camogli) e il Laboratorio dell’Università di Genova. Ottimo campo base l’Ostello Colombo con spazi e strutture adatte alla didattica. 

Vuoi organizzare una gita scolastica con noi? Contattaci per avere maggiori informazioni

 DAY 1: DALLA TERRA

Siamo partiti dai banchi di scuola dove è stato possibile, con l’utilizzo di una presentazione interattiva, capire come il nostro litorale è stato preso d’attacco da rifiuti di ogni genere.

Presentazione interattiva – I progetti esistenti di CleanUp

Grazie alle nostre esperienze passate di Clean Up all’ interno dell’Area Marina Protetta abbiamo individuato la strategia per sfruttare al meglio i giorni a disposizione. Inoltre è emerso che spesso il problema più grosso quasi non si può vedere, ma esiste in larga scala, le micro plastiche. Questo ci ha permesso di andare sul campo con gli strumenti adatti alle analisi da effettuare.

Acquisite le conoscenze necessarie siamo passati alla parte pratica. Armati di guanti, sacchetti, retini, cartine tornasole e una buona dose di curiosità, ci siamo spostati su una delle spiagge principali di Santa Margherita Ligure. Qui la Clean up ha preso vita e i ragazzi, oltre a raccogliere rifiuti plastici e di ogni genere, hanno raccolto veri e propri dati informativi.

Hanno potuto constatare la quantità di plastica e micro plastiche che si possono trovare in un metro quadro di spiaggia e hanno verificato l’acidità dell’acqua. Dati che poi sono stati comparati a quelli raccolti presso la spiaggia di Trelo (San Michele di Pagana) e il giorno successivo a Niasca (Paraggi). Da qui è partito il secondo Clean Up, ma questa volta in mare con i kayak.

Con la cartina tornasole per raccoglie dati sul PH dell’acqua di mare

DAY 2: IN MARE

Il secondo giorno è stato la perfetta combinazione di sport, natura divertimento ed educazione. Il fine ultimo di Outdoor Portofino.

Partendo dalla nostra sede di Paraggi una flotta di kayak, guidati dai nostri istruttori, è andata alla scoperta della costa in direzione Faro di Portofino.Armati di reti i ragazzi si sono nuovamente dedicati alla Clean up. Questo lavoro ha stimolato inoltre la loro curiosità e lo spirito di ricerca per scorgere rifiuti in luoghi impensabili.

DAY 3: BIOLOGIA MARINA

Riteniamo che la conoscenza sia alla base del rispetto. Un percorso di Bio – Orienteering nel borgo di Camogli ha portato i ragazzi alla scoperta di un territorio antropizzato, ma con delicati ecosistemi. Orientarsi significa essere consapevoli del territorio e capirlo. Inoltre le tappe del percorso erano state studiate per verificare e consolidare, giocando, le conoscenze acquisite nei giorni precedenti. Poi ci si è diretti verso il laboratorio di Biologia Marina dell’Università di Genova. Qui si è entrati nel dettaglio, grazie ai ricercatori e docenti dell’Università, dell’ambiente in cui vivono alcune specie intertidali per esempio la Patella. 

Biologia Marina – imparare a riconoscere le diverse specie di Patella

 Con che scopo?

Lo scopo di questi progetti è la sensibilizzazione delle future generazioni di fronte a queste delicate tematiche. Cerchiamo di guidarli verso uno stile di vita sostenibile, semplice e rispettoso,

Cerchiamo anche di trasmettere loro uno spirito attivo e sportivo inteso come mezzo per entrare in sinergia con gli ecosistemi. Questo genera sensibilità e attenzione.

Un’escursione in kayak o un trekking sono sempre una buona occasione per contribuire alla causa, portando via con sé quello che non vorremmo trovare e lasciando intatto quello che invece questo splendido pianeta ci offre.

Autore: Alessio Lo Piparo

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *