fbpx

Non è mai troppo presto per esplorare il mare in canoa con i bambini!

Canoa e bambini: ci fate spesso tante domande su questo argomento. Oggi con questo articolo cercheremo di chiarire i dubbi e darvi qualche consiglio per incominciare a divertirvi in sicurezza.

Da che età si può andare in canoa con i bambini?

La vera risposta a questa domanda è: non esiste un’età! I bambini infatti possono essere portati in canoa fin da subito (con le adeguate accortezze). Anzi, prima si comincia a prendere confidenza e meglio è.

La canoa infatti è un mezzo versatile che ci può accompagnare durante tutta la vita.

Da piccoli ci si può godere l’avventura tra le onde accompagnati da un adulto come semplici passeggeri. Mano che si cresce si diventa sempre più autonomi fino ad avere la guida di un mezzo proprio.

Vi lascio qui il racconto di Luca di una giornata in canoa con sua figlia Bianca di 3 anni.

Giochi ed esplorazione in canoa con i bambini

La canoa è un mezzo ideale per vivere il mare con i bambini. Infatti si presta molto sia a giochi divertenti da fare in gruppo o da soli che all’esplorazione del territorio. Sul gioco e l’esplorazione fondiamo tutte le nostre attività con i bambini come il Paddling Camp e la Scuola Natura.

Il gioco è sicuramente il modo migliore per insegnare contenuti e competenze tecniche. I primi giochi possono essere semplici: tuffi, prove di equlibrio, giochi con la palla. In questo modo si prende confidenza con il mezzo e l’elemento acqua. Da qui poi si possono inserire alcune nozioni più di tecnica. Come per esempio la pagaiata e le manovre base di conduzione della canoa.

Inoltre la canoa vi darà la possibilità di esplorare e scoprire insieme la costa e la natura che vi circonda. Queste avventure in mare poi si possono arricchire con delle attività di educazione ambientale o citizen science da fare anche in autonomia.

In questi articoli abbiamo già parlato di bambini, mare, canoa e tanto altro. Ecco qui qualche consiglio su cosa fare al mare con i bambini tra giochi in canoa e non solo. Qui invece una guida pratica sulle attività per esplorare la natura con i bambini.

La canoa migliore per cominciare

Esistono tanti tipi di canoa e kayak da mare vi lascio qui il link per approfondire l’argomento. Per le attività con i bambini quella che preferiamo noi è la canoa o kayak sit-on-top (aperto). Singolo o doppio a seconda della situazione. Grazie alla struttura di questo tipo di canoa il ribaltamento accidentale è molto difficile. Al contrario in caso di tuffi o bagno la risalita dall’acqua è molto più agevole rispetto alla canoa sit-in (chiusa).

Se poi si decide di proseguire e migliorare le proprie capacità, è bene provare e imparare ad usare diversi tipi di canoa. In questo modo il bambino sarà più versatile e pronto ad affrontare diverse situazioni anche con mezzi diversi.

Criticità e sicurezza in canoa con i bambini

Come abbiamo già detto i bambini possono cominciare a vivere il mondo della canoa fin da piccoli. Ovviamente a seconda dell’età e delle capacità ci saranno alcuni accorgimenti da tenere in conto per farlo in sicurezza.

  • bambini fino ai 3 anni: con i bambini così piccoli è consigliabile utilizzare degli adeguati ausili per il galleggiamento. In questi casi il posizionamento ideale del bambino è tra le gambe dell’adulto per avere un maggior controllo della situazione.
  • bambini tra i 4 e i 6 anni: anche in questo caso è sempre consigliato utilizzare giubbottini di salvataggio, soprattutto se si decide di allontanarsi dalla costa. A questa età il bambino occupa un posto tutto suo sulla canoa, di solito su una canoa doppia. Se il fisico lo permette, ci si può già dotare di una piccola pagaia e cominciare a prendere confidenza con le manovre basilari.
  • bambini dai 6 anni in su: quando il bambino sa nuotare, è a proprio agio nell’acqua e ha imparato le tecnoche base della pagaiata è pronto per avere un mezzo tutto suo.

Questa divisione è ovviamente indicativa. I principali fattori a cui bisogna fare attenzione sono: le capacità del bambino ma anche e la confidenza e la tranquillità dell’adulto con la canoa e le condizioni.

La temperatura e la stanchezza sono sicuramente le due criticità a cui bisogna far fronte più frequentemente durante la pagaiata. Per prevenire qualsiasi disagio o problema basta attrezzarsi nel modo corretto.

Consigli per affrontare e prevenire:

  • il freddo: se la temperatura è bassa o si prevede di passare tanto tempo in acqua è sempre bene attrezzarsi con una muta o un completo in neoprene. Inoltre per i giri più lunghi consigliamo di portare in una sacca stagna sempre un cambio asciutto.
  • il caldo: per prevenire colpi di calore attrezzatevi con un cappello e tanta acqua. Nelle giornate più afose la temperatura sarà solo una scusa per poter fare un tuffo un più!
  • la stanchezza: la canoa è un’attività ad alto dispendio energetico. In alcuni casi la pagaia risulta pesante e i bambini è facile che si stanchino. Ma l’affaticabilità non deve fermarvi dal vivere la vostra avventura. Infatti si può ovviare facilmente al problema utilizzando una canoa doppia oppure portandosi dietro una cima da traino.

Spero di aver risposto ai vostri dubbi, se avete altre idee o domande scrivetelo nei commenti. Ora non vi resta che partire all’avventura!

Giulia Bertora - OP School - Outdoor Portofino
Autrice: Giulia Bertora Responsabile OP School//Activity Leader//fisioterapista

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× How can I help you?