fbpx

Blog

Anglesey Sea Kayak Symposium, EXO Kayaks e Outdoor Portofino al raduno internazionale

Tomaso Dentone e Luca Tixi hanno preso parte al raduno in Galles che coinvolge centinaia di canoisti provenienti da tutto il mondo.
Luca, prosegue per tutta la settimana la formazione BCU in acque oceaniche, dove le condizioni sono molto intense e rigide. Leggi il racconto!

Tomaso Dentone e Luca Tixi sono partiti venerdì 29 aprile per raggiungere il Galles dove hanno preso parte al raduno internazionale in kayak ad Anglesey. Sabato 30 aprile e domenica 1 maggio centinaia di canoisti hanno partecipato alle attività e alle uscite in mare organizzate come momento di incontro e confronto per professionisti e appassionati.

Da lunedì 2 a venerdì 6 maggio, prosegue la formazione BCU di Luca Tixi, questa volta in acque oceaniche. Luca, presidente di Outdoor Portofino, in questi giorni sta frequentando corsi e attività di formazione dove saranno messe alla prova le capacità di gestione in kayak, sia individuali sia di gruppo, sicuramente molto diverse da ciò che si presenta nel Mar Mediterraneo. Le condizioni sono molto intense e rigide: in alcuni punti sono previste correnti di marea di 12 nodi con una temperatura dell’acqua che raggiunge (solo) i 7°C! Questi fattori non spaventano Luca che, supportato da EXO Kayaks, si dice entusiasta di potersi mettere alla prova in nuove condizioni marine a noi finora sconosciute. E allora leggiamo i racconti che arrivano direttamente dal Galles!

Day 1, sabato 30 aprile

Tomaso e Luca, rispettivamente di Exo Kayaks e Outdoor Portofino, raggiungono l’Anglesey Outdoor Center, base di ritrovo per tutti i partecipanti al raduno. La partecipazione è elevata con persone provenienti davvero da tutto il mondo. Oggi il sole splende e la temperatura è di 10°. La giornata si sviluppa con nuove e stimolanti esperienze: oggi si pagaia sulle Tidal Races (correnti di marea)!

Day 2, domenica 1 maggio

La sveglia suona presta e il tempo fuori è poco invitante: pioggia, vento molto forte e freddo. Ma qui non ci si ferma mai e si va in acqua lo stesso nonostante le condizioni avverse. In mare il vento è molto forte – circa 30 nodi – creando le condizioni ideali per una giornata di esercitazioni. Bravissimo Luca Tixi che ha fatto da assistente al coach dimostrando grandi competenze canoistiche.

#StreetOP a Santa e Outdoor Day nel Parco di Portofino, il resoconto

Con il patrocinio del Comune di Santa Margherita Ligure, il weekend del 2 e 3 aprile è stato una due giorni di sport e divertimento tra natura e città. Sabato, la città perla del Tigullio ha ospitato l’ultima tappa dello #StreetOP, Orienteering nei borghi e domenica oltre un centinaio di persone sono state coinvolte in un Outdoor Day nel Parco di Portofino. 

L’ultima tappa dell’ Orienteering nei borghi si è svolta sabato pomeriggio nel borgo affacciato sul mare di Santa Margherita Ligure. I partecipanti si sono sfidati tra le vie del centro e lungo il porticciolo turistico in un’attività di sport e divertimento che ha entusiasmato e coinvolto molte persone da Genova e dal Levante ligure. 

Primi 3 classificati:
1° – Ohri Enxhi
2° – Danila Traverso
3° – Jessima Timberlake

Domenica 3 aprile ci siamo spostati nel Parco di Portofino per una giornata di attività outdoor immersi nella natura. Con una passeggiata da Nozarego abbiamo raggiunto il Mulino del Gassetta insieme agli asini di Massimo Montanari. Giunti a destinazione, i bambini e le famiglie sono state coinvolte in svariate attività, tra cui l’Orienteering, un laboratorio di riconoscimento delle piante, la slackline e lo yoga. Grazie anche al sole e alla calda giornata l’evento è stato un grande successo che ha registrato oltre cento presenze!

Clicca qui per guardare il video dell’Outdoor Day.

 

 

#StreetOP a Camogli, l’orienteering nei borghi si conferma ancora un successo

La seconda tappa dell’Orienteering nei borghi a Camogli si è rivelato nuovamente un successo.

Realizzato in collaborazione con SmileVil e con il patrocinio del Comune di Camogli, l’attività ha coinvolto più di 80 persone in una bellissima giornata di sport e divertimento. 

Sabato 26 marzo il borgo marinaro si è trasformato in un percorso articolato tra domande e curiosità nei carruggi affacciati sul mare.

L’orienteering è una disciplina sportiva che consiste nell’effettuare un percorso predefinito caratterizzato da punti di controllo con l’ausilio di una cartina topografica che contiene particolari del luogo da percorrere. Lo Street-O, disciplina dell’orienteering, si svolge nei centri abitati, dove al posto delle lanterne vengono usati dei punti di controllo a cui corrispondono domande alle quali si può rispondere solo se si è giunti nel posto giusto. Da quest’idea, nasce l’iniziativa Orienteering nei borghi, un modo unico e divertente per scoprire i borghi del levante ligure da angoli nuovi, socializzare e interagire con persone del posto o turisti, giocare e conoscere.

Le prime tre squadre vincitrici sono state:

1° Squadrone Carola, 1h3min
2° Roma 3, 1h8min
3° Daniela & Fracesca, 1h9min

Prossimo e ultimo appuntamento con l’Orienteering nei borghi del levante ligure, sabato 2 aprile a Santa Margherita Ligure.

 

Primo posto per il Team OP al Trofeo Sea-O di orienteering del Recco Outdoor Festival!

Ottimo risultato per il Team di Outdoor Portofino alla 3° prova del Trofeo SeaO del Recco Outdoor Festival!

Il team, composto da Angelo e Giuglia Bertora e Luca Tixi ha ottnuto il primo posto per la categoria esordienti.

Domenica 13 marzo si è svolto il Recco Outdoor Festival, una manifestazione di multi sport, che ha visto il coinvolgimento di diverse associazioni sportive del territorio di Genova e del levante ligure. In occasione della manifestazione si è svolta la terza prova Sea-O di orienteering in collaborazione con la FISO Liguria (Federazione Italiana Sport Orientamento).

Alla gara di orienteering ha preso parte anche il team di Outdoor Portofino, composta da Giulia e Angelo Bertora e Luca Tixi, tutti tesserati FISO con la società Outdoor Portofino. La squadra ha ottenuto il primo posto per la categoria esoridenti, con un  tempo di 13 minuti e 36 secondi. 

#StreetOP, successo per la seconda edizione

Grande successo per il secondo #StreetOP nei vicoli di Genova. Circa 200 persone si sono divertite in un percorso di orientamento in città in una giornata che ci ha regalato anche tanto sole.
Ragazzi e studenti, famiglie con bambini, gruppi di amici, lo #StreetOP ha conquistato tutte le età!

Dopo l’attività di domenica 6 marzo, si riconferma il successo dello #StreetOP nei vicoli di Genova, l’Orienteering tra i carruggi della Superba. Realizzato in collaborazione con gli ostelli di Genova – The Hostel, OStellin e Manena Hostel – lo #StreetOP ha ottenuto grande successo di partecipanti anche grazie al nuovo partner CUS Genova che ha trascinato numerosi studenti alla scoperta della città da nuove prospettive.

Al termine del percorso, ci siamo ritrovati tutti all’ostello The Hostel in zona via Balbi per controllare i risultati e recuperare energie con i genuini prodotti Latte Tigullio, partner dell’evento.

Non essendo una gara, per l’attività non è prevista una classifica, ma solamente la premiazione delle prime tre squadre che hanno percorso l’itinerario nel minor tempo possibile rispondendo esattamente a tutte le domande. Ma i premi non sono mancati! Infatti, sono stati consegnati premi anche al di fuori della gara, sia ad adulti sia a bambini!

Prime tre squadre classificate:
1° Barabino tempo: 1h01m – risposte 12/12
2° Rivabella tempo: 1h08m – risposte 12/12
3° Lastrico: tempo: 1h12m – risposte 12/12

Vuoi divertirti ancora con i nostri #StreetOP? Il 26 marzo saremo a Camogli, il 2 aprile a Santa Margherita L. e il 23 aprile di nuovo nel centro storico!

L’Orienteering sbarca a Levante

Grande successo per gli eventi del weekend dedicati all’Orienteering! Circa 80 persone hanno partecipato sabato all’Orienteering nel borgo di Portofino, attività realizzata in collaborazione con Niasca Portofino srl. Domenica, agonisti, esordienti e amatori, si sono sfidati nei carruggi di Camogli in una gara ufficiale FISO patrocinata dal Comune di Camogli e sponsorizzata da Latte Tigullio.

Outdoor Portofino ha puntato sull’Orienteering per un weekend di divertimento sportivo. Sabato 20 febbraio Portofino è diventata protagonista del primo appuntamento Orienteering nei borghi, un’iniziativa che permette di scoprire i borghi del levante ligure in maniera coinvolgente e divertente, socializzando e interagendo. Circa 80 persone, con il solo ausilio della cartina topografica, sono state coinvolte in un percorso durante il quale, raggiunti i punti indicati sulla mappa, hanno dovuto rispondere ad alcune domande relative al posto in cui si trovavano. Al termine dell’attività, i partecipanti si sono fatti conquistare dalle deliziose degustazioni che Niasca Portofino ha offerto insieme alla Limonata del Tigullio.

Insomma, un’attività che lega sport e divertimento, da fare soli, in coppi o in famiglia! L’Orienteering nei borghi, più facile (e bello) a farsi che a dirsi, torna nel Levante il 26 marzo, questa volta nel borgo di Camogli!

Il weekend di Orienteering ha visto anche qualche momento di più alto livello sportivo con la 2° prova del Trofeo Sea-O a Camogli. Domenica 21 febbraio atleti, agonisti e esordienti, nonché amatori, di tutte le età si sono sfidati in una gara ufficiale FISO tra i carruggi di uno dei più bei paesini della nostra regione.

Per la categoria agonisti, l’Oricuneo Orienteering sul podio nella categoria Assoluta, ma stavolta femminile, con Elisabetta Cimnaghi; al maschile, invece, Enrico Gottardo, talento dell’Asd Amatori Orienteering Genova. Buone prove comunque delle giovani leve liguri, soprattutto al femminile, con Marilena Alb del Cus Savona ed Aurora Valle dell’Amatori. Outdoor Portofino, da quest’anno affiliata alla Federazione Italiana Sport Orientamento, ha schierato nella categoria esordienti due giovani del Team, Giulia Bertora (vincitrice) e Tommaso Lorenzetti, incappato in una una punzonatura errata, ma sicuramente dotato di buona stoffa e entuasiamo!

Al termine della gara, patrocinata dal Comune di Camogli e realizzata con la collaborazione tecnica di FISO Liguria, i partecipanti si sono rifocillati con il buono e genuino Latte Tigullio, sponsor della manifestazione.

Clicca qui per vedere le classifiche agonisti e esordienti.

L’Orienteering nei vicoli raccontato da chi lo ha provato

“I vicoli di Genova, l’orienteering e io. Una bella avventura.”

Una città fatta di vicoli e angoli storici, questo è lo sguardo su Genova visto con gli occhi di Joana, una ragazza Portoghese che si è avvicinata all’orienteering con noi.
#streetOP nei vicoli di Genova

Niente di meglio che un gioco divertente e un compagno locale per scoprire alcuni di questi luoghi. Con una cartina topografica ed un compasso, un team di due persone, parte il nostro Orienteering. Siamo alla ricerca delle lanterne, ovvero I luoghi da raggiungere entro le due ore a disposizione. Un evento promosso da Outdoor Portofino e Abbey Hostel da cui un team preparatissimo e noi, un po’ meno preparati, iniziamo il percorso con l’obbiettivo di trovare I posti contrassegnati nel più breve tempo possibile, un sano spirito competitivo si percepisce nell’aria.

Il primo obiettivo è la colonna dedicata a Cesare Vacchero, detta colonna infame, la quale è stata eretta per ricordare il tentativo di cospirazione per rovesciare la Repubblica di Genova. Da lì si và a contare gli alberi in piazza Lavagna, a cercare i cognomi sulla targa alla memoria dei caduti alle Vigne o a farsi un selfie in spianata Castelletto.

Il busto del professore Kazuhiko Fukuda è il più arduo da trovare, giriamo in tondo dentro il parco di Villetta Di Negro, a onor del vero insieme a molti altri partecipanti, fino a che la dea bendata non ci aiuta (tutti). Dopo aver camminato per quasi due ore torniamo alla base nonostante gli imprevisti e completiamo la missione con un buon punteggio.

C’è che sta roba qui dell’orienteering è una figata, l’evento ha mobilitato un sacco di gente di ogni età ed estrazione sociale, per appassionati e non (ma lo diventerete)!

Trail Camp Portofino, un’esperienza da ripetere!

Domenica si è svolto il primo Trail Camp Portofino, un’attività di Trail Running lungo i sentieri del Parco di Portofino.

Abbiamo chiesto all’istruttore Andrea Fergola dell’associazione sportiva Ergus Trail Team, che ha accompagnato il gruppo durante la giornata, di raccontarci l’esperienza!

La giornata si presenta abbastanza soleggiata, con qualche nuvola che fa capolino dalla vetta del promontorio. Arrivo in perfetto orario sull’appuntamento stabilito, noto che la grande umidità derivata dall’escursione termica, ha reso il terreno intriso di acqua come se fosse piovuto, ovviamente il mio pensiero va immediatamente ai miei “ospiti” che andrò ad accompagnare sui sentieri del Trail Camp.

Dopo breve attesa, ecco che arrivano i miei speranzosi atleti. Una volta presentati e dopo aver controllato l’attrezzatura, si descrive il tracciato che dovremo affrontare. I convenevoli vengono messi da parte in un attimo e subito il gruppetto si amalgama alla perfezione. Incomincio a descrivere il territorio in cui ci troviamo e i nostri allievi trovano molto interessanti le mie parole, qualche timida domanda, ma poi col passare del tempo la timidezza scompare e si comincia a fare sul serio. Un volta giunti in Località Semaforo Vecchio, incominciamo a scendere nei sentieri mantenuti alla perfezione dall’Ente Parco, per noi trailer un parco giochi!! Giungiamo velocemente a Località Pietre Strette, dove si spiegano alcune nozioni di tecnica di corsa su sentiero, quale sia l’equipaggiamento più idoneo e alcuni consigli pratici.

Scesi sulla spiaggia di S. Fruttuoso di Camogli, breve pausa e poi si riparte per la durissima salita per raggiungere Base 0. Noto che qualcuno mostra alcuni segni di stanchezza, quindi preferisco accorciare il pre definito percorso. Ci riallacciamo quindi al sentiero che ci ha portato a Pietre Strette. Dopo circa 3 ore rieccoci sul piazzale di partenza. Insomma la giornata si conclude con la foto di rito e con feedback positivi da parte dei partecipanti, interessati a nuova esperienza da ripetere!

Andrea Fergola, Ergus Trail Team

Carta del Mare 2.0, presentati i risultati

Anche Outdoor Portofino‬ ha aderito alla Carta del Mare 2.0 2015 ottenendo il riconoscimento per le sue buone pratiche di ‪salvaguardia‬, ‪conoscenza‬ e ‎sostenibilità‬ dell’ambiente marino‬ e costiero.

La presentazionedei risultati si è svolta al Galata Museo del Mare, lo scorso 17 dicembre.

Il Mu.MA ha presentato i risultati della settima edizione della Carta del Mare, uno strumento utile a far emergere le esperienze e le buone pratiche legate alla valorizzazione e alla tutela del mare, attuate nel corso del 2015 da operatori pubblici e privati, singoli e associati. Con oltre 100 aderenti e oltre 4400 buone pratiche, la presentazione si è svolta al Galata Museo del Mare con la presenza di Maria Paola Profumo, Presidente Mu.MA e AMMM – Associazione Musei del Mare e Mediterraneo; Giovanni Berrino Assessore Politiche Occupazione, Trasporti, Turismo Regione Liguria; Enisio Franzosi, Direttore Agenzia ‘In Liguria’; Maurizio Daccà, Vice Presidente Associazione Promotori Musei del Mare Onlus; Giuseppe Costa, Amministratore Delegato SAAR Depositi Portuali S.p.A; Mario Ferrero, Manager SAAR – Depositi Portuali S.p.A; Giovanni Lombardo, docente Responsabilità sociale Università di Genova.

La Carta del Mare (curata da Danila Ceva, Marina Mannucci e Franca Acerenza per l’edizione 2015) rientra nel più ampio progetto del PARCO CULTURALE DEL MARE, ideato e promosso dal Mu.MA in collaborazione con la Regione e l’Agenzia ‘in Liguria’, con l’Associazione Promotori e la SAAR, volto a realizzare un sistema territoriale regionale basato sui valori del mare, dai punti di vista della cultura, ambiente, accoglienza, lavoro, innovazione, relazioni e catena di fornitura.

Luca ottiene il brevetto internazionale BCU

Luca Tixi, presidente di Outdoor Portofino, ha partecipato ai corsi Sea Kayak della didattica BCU – British Canoe Union – tenuti da Tatiyak.

Ottenuta la certificazione del corso 3 stelle, si attende il brevetto 4 stelle dopo un lungo weekend di prove in mare con un affiatato gruppo di canoisti in Sardegna.

Con anni di esperienza canoistica alle spalle, il team di Outdoor Portofino continua la sua formazione professionale. Questa volta è stato Luca Tixi, presidente e ideatore di Outdoor Portofino a voler intraprendere un nuovo e stimolante percorso di formazione seguendo una didattica internazionale. Si tratta della BCU – British Canoe Union, una didattica che organizza corsi per kayak da mare, per tutti i livelli. In Italia, è Tatiana Cappucci con la scuola Tatiyak a svolgere i corsi. 

Luca ha preso parte al corso 3 stelle – dedicato a chi vuole ottenere una competenza specifica di conduzione dell’imbarcazione in condizione di mare stato 3 – ottenendo un brevetto riconosciuto a livello internazionale.

Dopo aver frequentato il corso di quattro giorni in Sardegna, si attende ora l’esame per la certificazione 4 stelle.

Dalla formazione di Luca, tutti gli istruttori di Outdoor Portofino saranno in grado di cogliere gli elementi necessari per una sempre conduzione sempre più all’avangardia.

Clicca qui per leggere il resoconto completo del corso 4 stelle che si è svolto in Sardegna dal 19 al 21 novembre 2015.

Per proteggere la salute di ciascuno, abbiamo aggiornato le misure di sicurezza per prevenire e contrastare la diffusione del coronavirus. Maggiori informazioni

We have implemented new safety policies to help ensure guest and staff health. Learn more

INFO
X