fbpx
Sport invernali

Sport invernali: vivere il mare tutto l’anno

Quando si parla di sport invernali la mente comincia subito a viaggiare tra meravigliose montagne innevate, ripide piste da sci, affascinanti escursioni con le ciaspole e così via. Ma chi l’ha detto che in inverno lo sport outdoor è solo in montagna?

In questo articolo cercheremo di invertire la rotta di pensiero e parleremo di sport invernali e mare. Infatti questo ambiente regala emozioni 12 mesi l’anno, l’unica vera regola per vivere il mare d’inverno è: arrivare preparati e con la giusta attrezzatura!

Ecco qui un precedente articolo che può interessarvi su 3 miti da sfatare per vivere il mare d’inverno.

L’inverno è la stagione perfetta per esercitarsi tra le onde.

Sport invernali in mare: info utili

Così come per qualsiasi attività outdoor, quando si decide di andare per mare ci sono alcune informazioni che è bene conoscere. Lo scopo è quello di prevenire spiacevoli imprevisti e vivere al meglio la propria esperienza

Tutte queste informazioni sono da tenere in considerazione non solo per la pianificazione dell’attività ma anche per la scelta dell’attrezzatura e dell’abbigliamento da indossare.

  • Previsioni meteo: sole, vento e umidità possono influenzare la temperatura percepita;
  • Temperatura esterna;
  • Temperatura dell’acqua;
  • Orario del tramonto: è bene informarsi sulle ore di luce a disposizione e, nel caso di attività dopo il tramonto, è bene attrezzarsi in modo da essere ben visibili.

Un portale molto utile da consultare avere queste informazioni è Windy.com.

Inoltre:

  • Conoscere il tipo di sport: alcune attività sono di per sè più asciutte rispetto ad altre (es. il kayak rispetto al surf), oppure possono essere più dinamiche rispetto ad altre (es. il nuoto rispetto allo snorkeling). Per questo a seconda del tipo di sport il rischio di avere freddo e l’abbigliamento cambieranno.
  • Conoscere sè stessi e le reazioni del proprio corpo nelle diverse situazioni, competenza che si acquisisce soprattutto con l’esperienza.
  • Stimare il tempo che si trascorrerà in acqua: perchè 1 ora o 1 giornata fanno davvero la differenza!
Un buon riscaldamento è fondamentale prima di ogni allenamento invernale.

Sport invernali in mare: abbigliamento ideale

Una delle domande più frequenti che ci si fa prima di andare in acqua nei mesi più freddi è: come mi vesto?

Abbiamo già parlato delle informazioni che è utile conoscere per rispondere a questa domanda. Ad ogni modo per aiutarvi, con il nostro team di appassionati del mare, abbiamo scritto delle vere e proprie check-list per ognuno dei nostri sport preferiti:

Nuoto in acque libere

Il nuoto è in generale uno sport molto dinamico. Questo significa che, pur passando tutto il vostro allenamento immersi in acqua, il movimento del corpo produce molto calore. Per questo alcuni temerari si avventurano attrezzati solo di costume e occhialini anche nelle giornate più fredde. Ad ogni modo oltre al vostro costume non servirà molto altro:

  • Muta a maniche lunghe: le caratteristiche principali di una muta da nuoto (o da triathlon) sono l’elasticità e l’aderenza. Infatti la muta deve essere elastica per permettere ogni movimento senza fare troppa fatica, aderente ma mai stretta in modo da evitare eventuali sfregamenti e abrasioni. Lo spessore può variare ma generalmente non si superano i 3 mm anche durante l’inverno.

Snorkeling e free diving

Per allenarvi o godervi una bella uscita invernale oltre al solito kit composto da pinne, maschera e boccaglio ecco cosa vi serve:

  • Muta: durante la stagione più fredda è consigliabile indossare quella da almeno 5 mm. Essendo uno sport piuttosto statico quando le temperature si abbassano può essere utile aggiungere sotto la muta una maglia termica o un ulteriore corpetto in neoprene.
  • Cappuccio in neoprene: protegge dall’acqua fredda collo, testa e orecchie, e può aiutare molto a combattere la sensazione di freddo.
  • Guanti in neoprene.

Ricorda: più neoprene indossi più faciliti la tua galleggiabilità. Quindi se il tuo obbiettivo è andare in profondità ricorda di utilizzare la zavorra e tararla in modo ottimale.

Nel seguente video e in questo articolo troverai informazioni piapprofondite sull’attrezzatura utile per fare snorkeling tutto l’anno.

Sup e surf

Generalmente il surf e il sup richiamano le calde atmosfere estive. Ma i veri appassionati sanno come godersi le onde invernali, liberi dalla folla che popola le spiagge in estate. Quindi prendete tavola (ed eventualmente pagaia) e ricordatevi di mettere nello zaino:

  • Muta: di solito le mute da surf e sup sono più elastiche e comfortevoli per garantire movimenti fluidi con minor dispendio energetico. Le mute invernali variano di spessore dai 4 ai 7 mm e all’interno possono avere un piccolo strato felpato per dare maggior calore.
  • Cappuccio in neoprene.
  • Calzari in neoprene: rispetto a delle vere e proprie scarpe i calzari proteggono dal freddo matenendo in parte la sensibilità di piede e caviglia. In questo modo si facilitano le reazioni tempestive del corpo sulla tavola.

Kayak

Il kayak è uno sport abbastanza asciutto e dinamico. Molti però utilizzano le condizioni meteo invernali di vento e onde per esercitarsi ed acquisire esperienza. In questi casi il bagno in acqua non è da escludere! Ecco cosa vi serve in questi casi:

  • Tuta stagna: questa tuta partcolare grazie ai materiali e alle rifiniture garantisce una tenuta totale all’acqua anche se immersi completamente. Avete presente l’immagine di James Bond che esce dall’acqua, si spoglia e sotto è pronto con lo smoking? Ecco: sotto potrete vestirvi come volete sapendo di rimanere asciutti, se non siete tipi da smoking io vi consiglio indumenti caldi e traspiranti. La tuta stagna è l’ideale quando si affrontano lunghe e fredde giornate in mare, soprattutto in quelle occasioni in cui si sa o si pensa di finire a mollo tra le onde.

Se però la giornata è tranquilla, e non avete in programma lunghi bagni in acqua salata, ecco una valida alternativa alla tuta stagna:

  • Giacca d’acqua: questo indumento permette alla parte superiore del corpo di rimanere pressochè asciutta e al caldo, riparandolo da spruzzi e vento. Allo stesso tempo permette la totale libertà di movimento di spalle, braccia e tronco. Le giacche si suddividono in impermeabili, semi-stagne o stagne a seconda della loro tenuta d’acqua.
  • Maglia termica.
  • Pantaloni in neoprene o muta long john (smanicata): dato che, come abbiamo detto, in kayak le gambe rimangono quasi sempre al riparo nel pozzetto, indossare dei pantaloni in neoprene di 2 o 3 mm di spessore è più che sufficiente.

Che siate tipi da giacca d’acqua o da tuta stagna non importa, mi raccomando non scordate mai:

  • Calze termiche.
  • Scarpe o calzari in neoprene.
  • Guanti o moffole in neoprene.
  • Cappello.
I colori unici che solo i tramonti invernali regalano.

Sport invernali in mare: ottimizzare gli acquisti

Abbiamo visto come ogni sport abbia la sua attrezzatura specializzata e didicata. Tuttavia in molti casi abbiamo indumenti che possono essere utilizzati per fare sport diversi (es. muta, maglia termica, calzari). Il consiglio quindi è: evitate sprechi e acquisti inutili, scegliete indumenti versatili che possano essere utili e performanti in diverse occasioni. Informatevi quindi sulle caratteristiche dei prodotti che acquistate in base al vostro utilizz, alla perormance e al comfort che che volete raggiungere.

Autrice: Giulia Bertora, fisioterapista //istruttrice kayak e sup //
in mare 12 mesi l’anno

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per proteggere la salute di ciascuno, abbiamo aggiornato le misure di sicurezza per prevenire e contrastare la diffusione del coronavirus. Maggiori informazioni

We have implemented new safety policies to help ensure guest and staff health. Learn more

X